Monday, March 22, 2010

SE MAI DECIDESSI DI FARMI L'IT BAG...

Io, alle famigerate it bags, non ci ho mai creduto. Ammetto che all'età di sedici anni mi ero quasi fatta incantare dalle varie Balenciaga viste al braccio delle mie coetanee Olsen, ma ho presto colto la natura effimera del prodotto e non ci ho pensato più.

Negli anni ne ho viste talmente tante poi, che quel briciolo di curiosità e desiderio che mi era rimasto è svanito. Le varie Chloè (Paddington), YSL (Muse), Marc Jacobs (Stam) buone per una stagione e poi finite nel dimenticatoio della moda non hanno sortito su di me nessun effetto. Ma a dire il vero non ho nemmeno subito il fascino delle intramontabili Hermès Birkin o Chanel 2.55. Ho vent'anni, - mi ripeto - devo davvero donare la mia devozione a una borsa da quattro cifre? Le it bags sono come squadre di calcio per noi signorine, e la tifoseria non è una questione da prendere alla leggera.

Devo ammettere però, che da qualche tempo mi sento quasi pronta al grande passo. Ebbene sì, forse - e dico forse, e lo ripeto mille volte - sono pronta a farmi l'it bag. E' stato un cambiamento spontaneo e impercettibile, di cui mi sono accorta a malapena. Mi sono svegliata una mattina ed è stato chiaro che qualcosa era cambiato.

L'it bag in questione - che poi, non so quanti di voi saranno d'accordo a inserire la mia scelta in una categoria così illustre, seppur affollata - è di Akris, casa svizzera con una storia quasi centenaria e una filosofia che mi ridà la mia ormai quasi perduta fiducia nel mondo della moda artigianale.



Devo ammettere che il marchio lo sto ancora esplorando, ed è presto per decidere se meriti la mia totale fedeltà o meno, ma le premesse ci sono. "Moderno, femminile e discreto," sono gli aggettivi che usano per descriversi, sottolineando l'importanza della semplicità unita ad una qualità senza compromessi. Negli anni venti, Alice Kriemler Schoch (dalle cui iniziali nasce il nome A-KRI-S) produceva grembiuli a pois, e ci sono oggi i suoi nipoti a gestire ogni aspetto del brand, introducendo dei pois nascosti all'interno di ogni capo in onore della loro ammirabile nonna.



Sono molto, moltissimo tentata da questa borsa di cui non ho ancora capito il nome (il sito suggerisce Mocca horsehair large Ai bag, anche se non credo sia proprio il suo nome di battesimo). E' abbastanza riconoscibile nella sua forma, ma più difficilmente riconducibile al suo brand. E' una perfetta it bag su cui scervellarsi. E mentre qui ci si scervella, mi sa che io la piazzo in cima alla lista dei desideri.

7 comments:

irene said...

belle davvero queste borse, non le conoscevo.
anch'io non sono molto il tipo da it bag, ho solo una borsa di Vuitton, preferisco quelle vintage scovate su etsy!
le borse non mi fanno impazzire, per le scrpe invece potrei sborsare cifre astronomiche senza problemi!

Velvetuzi e Nostal_chic said...

Design interessante che ti consentirebbe di prendere due piccioni con una fava: 1. Avere l'it-bag 2. NON avere un it-bag inflazionata!

Pillole Di Moda said...

irene: magari potessi appassionarmi alle scarpe! io putroppo i tacchi non li posso indossare (rasento il metro e ottanta con fidanzato alla pari, e poi non ho mai imparato l'arte dei trampolieri)! ti dirò che mi ritengo abbastanza fortunata a non avere anche questa fissazione da soddisfare!

Velvetuzi, Nostal_chic: infatti. le borse di Akris sono abbastanza riconoscibili nell'ambiente del design; una specie di linguaggio segreto per farmi capire solo da chi voglio io!

Anonymous said...

molto bella qst borsa...e forse l sia già m l'h appena indossata angelina jolie:
http://modablog.girlpower.it/star-straniere/look-star/angelina-jolie-e-la-ai-tote-bag-di-akris/

Roberta said...

veramente belle, non le avevo ancora viste!! ho appena scoperto questo bel blog e sicuramente continuerò a seguirlo!

monali said...

Nice article. I recently purchased an evening purse and a traditional batwa style purse from the website www.kaneesha.com. Its worth visiting site you will be amazed to see the variety of purses they carry.

Anonymous said...

Che buffe queste borse, non le conoscevo! Complimenti per il blog, ti seguo sempre! :)
Volevo chiederti un consiglio...a proposito di borse. Tu conosci Il Bisonte? E' un brand degli anni '70, più famoso all'estero che in Italia. Ultimamente ho visto che ne parlano in tanti e in effetti ho visto sul sito che hanno dei prodotti davvero di classe. Tu hai mai comprato qualcosa? mi sai consigliare un modello? Baci, grazie. Carla.