Tuesday, March 11, 2008

ARRIVA L'ESTATE: FIORI O GEOMETRIE?

Il bello, di questi tempi, è che c'è scelta. Il problema, è che ce n'è troppa. E allora capita che chi vuole stare al passo con i tempi non basta che aderisca all'ultimo trend, ma debba anche selezionarne uno fra i molteplici disponibili.

Quest'estate, le opzioni sono due: fiori o geometrie. Queste le stampe imposte dagli stilisti per la bella stagione, per fortuna in una miriade di colori, forme e variazioni. Ce n'è per tutti i gusti insomma.




[6267, Moschino, Dries Van Noten, Blumarine, Luella, Stella McCartney]


[Anna Molinari, Marc by Marc Jacobs, Marni, Jil Sander, Jonathan Saunders, Etro]

Per me non si pone il problema: io ho già deciso che sarò tutta per le geometrie. I motivi sono tanti:

- fiori = fronzoli (equazione quasi sempre valida), e la mia allergia ai fronzoli mi sende anche i fiori antipatici

- primavera = fiori, e sono tanto tanto felice di poter associare la primavera a qualcosa d'altro (come mi diceva il mio professore "quando arriva la primavera è meglio non parlare di fiori, NOIOSISSIMO")

- con le geometrie vengono fuori cose molto più interessanti. Guardate i colori per esempio: i fiori in qualche modo limitano (non so come o perchè, ma sono certa che limitano), mentre le geometrie permettono soluzioni virtualmente infinite.

Ce ne sono altri (di sicuro anche più validi di questi tre sconclusionati qua sopra), ma siccome sono talmente incasinata temporalmente che sto cercando di fare quattro cose in contemporanea e devo "svegliarmi" fra 5 ore, non è il caso che mi dilunghi.

Ma sarei onorata di sentire i vostri schieramenti...

1 comment:

Bebe said...

sebbene il diavolo veste prada abbia già espresso la sua:"fiori in primavera?avanguardia pura"...penso che opterò per quelli, ma fantasie a fiori piccoli,non soo una fan del simil tappezzeria...in abiti morbidi,con stivali estivi e qualcosa in testa...:-)
Bebe